Più tavolini all’aperto, meno slot machine: arriva l’esenzione sulla Tosap

Più tavolini all’aperto, meno slot machine: arriva l’esenzione sulla Tosap
Più tavolini all’aperto, meno slot machine. La Giunta Comunale di Bauladu ha varato una delibera che prevede l’esenzione totale del pagamento della tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (Tosap) per i pubblici esercizi del paese che scelgono di non avere al loro interno dispositivi destinati al gioco d’azzardo.

Secondo i dati forniti dalla Commissione Finanze della Camera dei Deputati, la Sardegna è la prima regione dello Stato per numero di slot machine. Anche nell’Oristanese il fenomeno della dipendenza dal gioco sta assumendo dimensioni preoccupanti: dal 2012 al 2015 sono state prese in cura dal Serd dell’Asl 5 di Oristano ben 60 persone. Le persone più interessate al gioco sono le fasce più deboli e fragili della società, chi ha una minore scolarizzazione, chi ha un lavoro più precario, chi è in difficoltà nel trovare una propria identità.

A Bauladu si trovano il doppio di slot machine rispetto alla media regionale (3 macchinette per 700 abitati, contro una media regionale di 2,2 macchinette ogni 1000 abitanti), pertanto l’Amministrazione Comunale ha ritenuto opportuno attivare un’attività di contrasto al gioco d’azzardo mediante l’istituzione di un sistema premiante a favore dei titolari di pubblici esercizi del territorio comunale che intendono rinunciare alla presenza degli apparecchi nei propri locali.

Per ottenere l’esenzione totale del pagamento della tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche (Tosap) sarà sufficiente presentare apposita comunicazione su modello redatto e messo a disposizione dagli uffici comunali, con la quale dichiara di non avere nella propria attività apparecchi di cui all’art. 110, comma 6, lett. a, del T.U.L.P.S. L’esenzione ha effetto dalla data di presentazione della domanda.

Nei prossimi giorni la Giunta Comunale si impegna a incontrare i titolari degli esercizi pubblici interessati, mentre il Consiglio Comunale nella prossima seduta sarà chiamato a discutere la proposta di modifica al regolamento sull’occupazione di spazi pubblici.

«Con questa iniziativa intendiamo premiare gli operatori economici del paese che non intendono subordinare la ragione sociale del proprio lavoro al guadagno derivante dal gioco d’azzardo. Lo facciamo proponendo un’esenzione totale della Tosap per gli esercizi virtuosi. Siamo convinti che un piccolo gesto può generare importanti ricadute dal punto di vista sociale»